numero verde

800 933345

Se vuoi un modello su misura
il modello redditi chiedilo al
CAF UIL.

Che cos'è il modello redditi

Il Modello Redditi è un modello di dichiarazione unificato utilizzato dai contribuenti che non possono ricorrere al modello 730. La presentazione del modello Redditi prevede il contestuale calcolo e versamento (con modello F24) delle imposte dovute. I versamenti delle imposte sono effettuati direttamente dal contribuente attraverso il modello F24, che deve essere presentato in banca o in posta.

Chi può presentare il modello Redditi

Documenti da presentare

IL CONTRIBUENTE CHE SI PRESENTA AL CAF DOVRÀ ESIBIRE:
REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE/PENSIONE E ASSIMILATI:

REDDITI DA TERRENI E FABBRICATI:

SPESE DETRAIBILI O DEDUCIBILI

Tracciabilità dei pagamenti 

A partire dall’anno d’imposta 2020 la detrazione dall’imposta lorda nella misura del 19 per cento degli oneri, spetta a condizione che l’onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili.

  • Contratto di locazione regolarmente registrato, per le persone che vivono in affitto;
  • Quietanza di versamento degli interessi per mutui casa, atto di acquisto, atto di mutuo;
  • Fattura pagata ad agenzie immobiliari per l’acquisto della prima casa;
  • Tutta la documentazione per le spese sostenute per la ristrutturazione edilizia (bonifici, fatture, Scia, ecc.);
  • Tutta la documentazione per il risparmio energetico (bonifici, fatture, Enea, ecc.);
  • Spese sostenute per l’arredo di immobili ristrutturati (bonifici, fatture, ecc.);
  • Bonus Facciate, per le spese relative agli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti;
  • Bonus verde, tutte le spese per la sistemazione a verde di giardini ed aree scoperte;
  • Spese sostenute per gli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria sulle parti comuni (spese condominiali).
  • Rette pagate per l’asilo nido;
  • Ricevute o quietanze di versamento per le attività sportive dilettantistiche (palestra, piscina…);
  • Contratti di locazione pagati per studenti universitari fuori sede o convitti;
  • Spese per abbonamenti al trasporto pubblico;
  • Spese di istruzione per la frequenza di:
    • scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori (tasse, contributi, mensa);
    • corsi di istruzione universitaria presso università statali e non statali, tenuti presso università o istituti pubblici o privati, italiani o stranieri.
  • Spese per visite generiche e specialistiche, scontrini della farmacia, spese per interventi chirurgici, esami di laboratorio;
  • Spese odontoiatriche o oculistiche (occhiali, lenti a contatto e liquidi);
  • Documentazione attestante la marcatura CE per i dispositivi medici (inclusi occhiali da vista);
  • Ticket ospedalieri/sanitari o per esami di laboratorio;
  • Ricevute per interventi chirurgici, degenze e ricoveri;
  • Ricevute per acquisto protesi sanitarie;
  • Ricevute per spese sanitarie sostenute all’estero;
  • Spese per soggetti con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA);
  • Spese sanitarie per portatori di handicap (mezzi necessari all’accompagnamento, deambulazione, sollevamento o sussidi informatici);
  • Spese per veicoli per i portatori di handicap (autoveicoli o motoveicoli).
  • Spese per visite, scontrini della farmacia, ecc.
  • Contratti stipulato e quietanza di versamento per assicurazione vita, infortuni;
  • Contributi versati per assicurazione obbligatoria INAIL contro gli infortuni; domestici (assicurazione casalinghe);
  • Ricevute versamento contributi previdenziali obbligatori o facoltativi;
  • Quietanza di versamento a Fondi di previdenza complementare.
  • Ricevute versamenti contributivi all’INPS per lavoratori domestici;
  • Spese per l’acquisto di cani guida;
  • Spese funebri;
  • Abbonamento trasporto pubblico;
  • Assegni periodici versati / percepiti dall’ex coniuge;
  • Bonus vacanza;
  • Erogazioni liberali.

News correlate

Stralcio cartelle

Stralcio cartelle fino a 5.000 euro L’articolo 4 del decreto Sostegni, entrato in vigore il  23 marzo 2021, prevede lo stralcio totale

Leggi Tutto »

Bonus musica

Per l’anno 2020 è stato introdotto un contributo, riconosciuto dal Ministero della Cultura, per l’educazione musicale a favore di figli

Leggi Tutto »
Numero verde

Scopri il servizio

#DaCasaTua