numero verde

800 933345

Babysitter di colore con maglione bianco a collo alto fa vedere qualcosa ad un bambino chiaro di carnagione e con i capelli biondi messo di profilo

Occhio alle detrazioni: deduzioni per i contributi dei lavoratori domestici

L’assunzione di un lavoratore domestico comporta diverse responsabilità, tra cui il pagamento dei contributi previdenziali all’INPS. Esistono benefici fiscali legati a queste spese che i datori di lavoro domestico possono sfruttare. In questo articolo, esploreremo quali sono le spese deducibili relative ai versamenti contributivi all’INPS per i lavoratori domestici e come è possibile accedere a queste agevolazioni fiscali.

Quanto è possibile dedurre

I contributi previdenziali per i lavoratori domestici includono i contributi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, nonché i contributi per la pensione. Questi versamenti sono obbligatori e devono essere effettuati dal datore di lavoro.

In particolare, la legislazione fiscale italiana prevede la possibilità di dedurre i contributi previdenziali versati all’INPS per i lavoratori domestici. Infatti, è possibile beneficiare di una deduzione delle spese sostenute per la parte rimasta a carico del datore di lavoro, fino a un massimo di 1.549,37 euro all’anno.

Requisiti

Per poter usufruire della deduzione è necessario rispettare alcuni requisiti specifici:

  • Effettuare i versamenti contributivi
  • Conservare tutte le ricevute dei versamenti contributivi effettuati all’INPS. Questi documenti devono essere presentati al CAF al momento della dichiarazione dei redditi.
  • Versare i contributi per lavoratori domestici regolarmente assunti, come colf, badanti, babysitter, e altri collaboratori familiari

Come richiedere la deduzione

La deduzione può essere richiesta attraverso la dichiarazione dei redditi, utilizzando il modello 730 o il modello Redditi PF. È necessario conservare tutte le ricevute dei versamenti contributivi effettuati durante l’anno fiscale.

Conclusioni

Sfruttare le deduzioni fiscali sui contributi previdenziali per i lavoratori domestici è un modo efficace per ridurre il carico fiscale e ottimizzare le proprie risorse economiche. È essenziale essere ben informati sulle modalità di deduzione e conservare accuratamente tutte le ricevute dei versamenti effettuati all’INPS. Seguendo questi semplici passaggi, i datori di lavoro possono beneficiare appieno delle agevolazioni fiscali previste dalla legge.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al CAF UIL più vicino sia per la propria dichiarazione dei redditi che per ricevere assistenza in merito alla predisposizione di tutti i documenti idonei all’assunzione, variazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro domestico.

In evidenza

I più letti